Il Castello Bran - Braşov

RICERCA HOTEL


Arrivo
Partenza

Info utili:

alcune informazioni pratiche utili per visitare Brașov

Leggi »

News

Assistenza Clienti

Assistenza Clienti


Il Castello Bran (Castelul Bran)

Tra le montagne Bucegi e Piatra Craiului, a 30 km di distanza da Braşov si trova un monumento nazionale molto rilevante per la storia della Romania e per i turisti di oggi: il famoso Castel Bran, conosciuto anche come il Castello del Conte Dracula

Castello Bran


Inizialmente aveva un ruolo militare, di dogana tra la Transilvania e Valachia, poi non il passare del tempo ha subito varie modifiche essendogli state aggiunte la torre sud e successivamente la torre est. Oggi qui troviamo il Museo Bran, che si estende sulla superficie di 4 piani con esposte armi e armature, collezioni in ceramica, mobili, ecc...

Museo Bran


All'esterno si trova un piccolo museo del villaggio con artigiani e pastori del luogo e con ogni sorta di riferimento al mito del Conte Dracula.

Mercato Bran

Allo scopo di fortificare lo strategico passo Bran, conosciuto fin dall'epoca romanica, i cavalieri Teutonici costruirono a partire dal XIII secolo una cittadella dove oggi sorge il castello.

Per fronteggiare il pericolo turco, ma anche a causa delle instabili con la Valacchia e soprattutto dopo la sconfitta del fiume Ialomiţa (1369), il re Luigi I d'Angiò pensò di aumentare le difese delle città di confine del regno ungherese. Fu così che il 19 novembre 1377 il castello di Zvolen in Slovacchia, rilasciò un "certificato di nascita" del Castello di Bran alla città di Brasov con il compito di costruire la fortezza a proprie spese.
I residenti dei villaggi intorno alla città, che si trovavano sul confine, furono destinati a guardia del confine.

Nel 1498, la rocca di Bran e la cittadella furono date in pegno a Braşov e con il documento rilasciato da George Rakoczi II, principe di Transilvania (1648-1660), il 25 aprile 1651, la città di Braşov diventò il legittimo proprietario della rocca di Bran.

Dal XVIII secolo, la città perse la sua importanza strategica, diventando un luogo di governo. Nei pressi del castello fino al 1836 c'era un punto doganale in cui i commercianti pagavano una tassa del 3,3% del valore delle merci trasportate.
Dopo la rivoluzione del 1848 fu abolito il dominio feudale e successivamente, nel 1877 fu occupato dalle truppe austro-ungariche. A seguito di un processo che durò fino al 1883, il castello fu utilizzato come residenza dei forestali dell'Ufficio di Braşov.
Il 1° dicembre 1920, il Consiglio Comunale di Braşov donò il castello alla regina Maria di Romania. Il monumento fu restaurato e sistemato sotto la guida dell'architetto reale Karel Liman e divenne residenza reale estiva. La regina Maria di Romania ha voluto la sua diicei Castello di Bran, la principessa Ileana di Romania, arciduchessa d'Austria, entrato in suo possesso nel 1938. Dopo l'abdicazione di re Michele I di Romania (1927-1930, 1940-1947), arciduchessa Ileana è costretto in esilio nei primi mesi del 1948, e la rumena di proprietà dello
Nel 1956 il castello è diventato di proprietà dello stato e successivamente un museo di storia e di arte medievale, aperto dal 28 aprile 1957.

Il Castello di Bran ha ispirato la descrizione del castello di Dracula nel romanzo di Bram Stoker, ma non è la vera fortezza appartenuta al principe Vlad III di Valacchia. Il vero Castello di Dracula è l'ormai distrutto Castello di Poenari.

A Braşov:

Nei dintorni: