La leggenda del Conte Dracula - Braşov

RICERCA HOTEL


Arrivo
Partenza

Info utili:

alcune informazioni pratiche utili per visitare Brașov

Leggi »

News

Assistenza Clienti

Assistenza Clienti


Il Castello Bran e la leggenda di Dracula

Il personaggio del Conte Dracula fu creato nel 1897 dallo scrittore iralndese Bram Stoker nel romanzo che porta proprio quel nome. Come ambientazione per gli eventi, l'autore scelse la Transilvania, una delle tre grandi regioni della Romania. L'associazione tra il Conte Dracula, il vampiro immaginato da Stoker, e il personaggio storico Vlad Țepeş (l'Impalatore) principe di Valacchia (1448,1456-1462,1476) che trascorse l'infanzia in Transilvania, è dovuta al sanguinario carattere del principe stesso.

Il castello di Dracula


Vlad l'Impalatore attraverso suo padre, era discendente del grande voivoda Mircea il Vecchio (1386-1418) della dinastia Basarab e attraverso sua madre, figlia di Alessandro il buono, voivoda di Moldavia (1406-1432) era un discendente della dinastia Musatin. Era anche un cugino di Stefano il Grande (Stefan cel Mare), il glorioso voivoda della Moldavia (1457-1504).
Il soprannome popolare "Țepeş" (impalatore) è dovuto all'abitudine brutale del voivoda della Valacchia di applicare la pena capitale del palo mentre l'altro soprannome "Dracula" (che significa figlio del diavolo in Slavo) è stato ereditato dal padre, Vlad Dracul (il diavolo), che fu decorato da Sigismondo di Lussemburgo, re d'Ungheria, a Norimberga, nel 1431, con l'Ordine del Drago. Questo ordine cavalleresco medievale puntava a difendere la croce e ad annientare i suoi nemici, rappresentati da vecchi draghi, con l'aiuto di San Giorgio: il simbolo dell'ordine era un drago strangolato con la propria coda e una croce poggiata sul suo dorso.
Se nel mondo pre-cristiano il drago spesso avevano significati positivi (in particolare connessi alla fertilità), a partire dal 5° secolo divenne un simbolo del diavolo. "Dracul" significa "Il Diavolo" e la povera gente che ha vedeva il padre Vlad portare la bandiera con le insegne del drago, interpretò questo come un segno che fosse in combutta con il demonio.

A quel tempo, in tutta l'Europa feudale, vi era un clima cruento e Vlad l'Impalatore considerato dai suoi nemici come un personaggio sinistro assetato di sangue umano, non fu così diverso dalla maggior parte degli altri monarchi dei secoli XV e XVI, a partire da Luigi XI per terminare con Ivan il Terribile, o a partire da Enrico VIII per terminare con Matei Corvin.
Il merito di Vlad l'Impalatore fu il suo contributo al mantenimento dell' esistenza dello Stato della Valacchia combattendo i turchi guidati da Maometto II, conquistatore di Costantinopoli.

Più volte riedito e tradotto in molte lingue, il romanzo di Bram Stoker ha ispirato film e ogni sorta di articoli e testi così come il personaggio di Dracula continua ancora ad avere fama universale. L' eroe del romanzo, il conte Dracula, era un mostro sanguinario, ancora più famoso del personaggio storico e può essere il risultato di diverse influenze che l'autore ha trovato nella storia di una Transilvania dove le fortezze antiche sembrano la cornice ideale per fantasmi e vampiri assetati di sangue. Molto probabilmente, il Castello di Bran fu fonte di ispirazione per il castello del Conte Dracula situato nella gola Bargau, immaginato da Bram Stoker.

A Braşov:

Nei dintorni: